Il progetto nasce dopo l’esperienza della reclusione forzata degli scorsi mesi, causa pandemia.

In questo periodo ci sono state idee di intrattenimento che, percorrendo canali nuovi,  hanno riscontrato gradimento del pubblico e successo, uno di questi è stato “FAVOLE AL TELEFONO” che MEDEM ha realizzato contando sulla collaborazione di tante realtà, tra cui ASTRA, e singoli volontari per un totale di 40 favolosi lettori.

Al termine dell’iniziativa si contano sulle 1.330 favolose telefonate (oltre 110 al giorno) direttamente gestite da Città di Castello, ma il servizio è andato avanti più di 4 mesi, passando il testimone ad altre realtà italiane e non solo.

Fin dalle prime telefonate fatte abbiamo capito che, oltre che un’operazione culturale legata a Gianni Rodari ed alla lettura, l’importanza di quello che si stava facendo risiedeva nel telefonare a casa della gente, rompere la monotonia della giornate e far sentire che là fuori c’era qualcuno.

MEDEM e ASTRA hanno valutato insieme come poter portare avanti questo servizio, sulla scorta dell’esperienza fatta, ed hanno ottenuto il sostegno degli assessorati alla Politiche Sociali e alla Cultura dei comuni di Città di Castello, Pietralunga e San Giustino.

Il servizio, work in progress, proseguirà questa sua prima fase fino al 31 luglio, utilizzando agosto per valutarne i risultati (il sito registra e monitora tutte le richieste e le telefonate fatte). Gli utenti stessi sono inviati ad inviare consigli e segnalare nuove tipologie di telefonate che gradirebbero ricevere.

Il servizio, gratuito, intende fare compagnia a bambini e adulti portando un pizzico di magia attraverso il filo del telefono… o lo smartphone.

Prenota quello che vuoi sentire… E Ti telefono a casa!